lunedì 17 luglio 2017

Recensione "Io, Sara, dalla A alla Z"

Buongiorno Lettori e buon inizio settimana, come state? Mentre voi leggete io sarò in città per una visita velocissima dall'ortodontista e poi dritti a casa per gli ultimi preparativi e per cercare di chiudere la valigia. Ce la faremo? Vi aggiornerò! Prima di partire volevo assolutamente lasciarvi il mio pensiero su questo volumetto, ma prima di passare al post una piccola nota: se doveste essere interessati ad acquistare il libro o ad avere informazioni a riguardo potete contattare Isabella a questo indirizzo email: isa.spiritolibero@hotmail.it!


Titolo: Io, Sara, dalla A alla Z
Autore: Sara Ciafardoni
Prezzo: 10,00€
Pagine: 84
Pubblicazione: 2016
Editore: Enter Edizioni



Trama: Ciao sono Sara, volevo ringraziare tutti. Tutto quello che state facendo per me mi rende felice, ma la cosa più bella è che tutti voi avete un desiderio ed è quello della mia guarigione. Io sono sicura che insieme, tenendoci per mano, sconfiggeremo la mia malattia. Adesso il mio mostro non mi fa più paura, noi siamo in tanti e lui è solo. Riuscirò a ritornare a scuola e quello sarà il mio giorno più bello.


Adesso il mio mostro non mi fa più paura, noi siamo in tanti e lui è solo.

Negli scorsi giorni ho avuto la possibilità di leggere questo piccolo volume, pubblicato lo scorso anno da Enter Edizioni. Pensavo che, vista la semplicità del testo e la ridotta quantità di pagine, parlarne sarebbe stato facile, e invece una volta girata l'ultima pagina mi è rimasto molto su cui riflettere. La giovanissima autrice è Sara, che in queste pagine racconta attraverso le lettere dell'alfabeto alcuni pensieri, spesso felici, altre volte tristi, che hanno il potere di far capire al lettore il coraggio e la voglia di vivere di questa piccola guerriera. Partiamo dalla grafica e dalla struttura del libro, che trovo adorabili: la copertina  mi ha da subito trasmesso una dolcezza incredibile, e l'interno è altrettanto bello. Non solo Sara abbina a ogni lettera una persona, un sentimento o una riflessione - D come Dolore, M come Mamma, R come Ricordo - ma ogni pagina è accompagnata da una tenerissima illustrazione di Rita Valentino, che rendono speciale la lettura e rispecchiano alla perfezione i pensieri di Sara. Il lettore ha anche a disposizione una pagina bianca all'interno del libro, idea carinissima che serve ad annotare alcune riflessioni su quello che già si possiede, e su ciò che invece vorremmo avere. Una domanda apparentemente semplice, ma al tempo stesso spiazzante: quante volte ci lamentiamo di quello che ci manca, senza vedere ciò che già abbiamo a disposizione?

Immagino una bilancia per pesare ciò che ho e ciò che non ho, ciò che è brutto e ciò che è bello, ma soprattutto ciò che fortemente voglio.
Le cose belle, pesano di più come se cancellassero il brutto e il dolore.
Pesa di più l'ESSERE, perché racchiude e contiene l'avere.

C'è tanta saggezza nelle parole di questa giovanissima ragazza, che in meno di cento pagine riesce a trasmettere speranza e consapevolezza. Chi si è occupato insieme a Sara di questo progetto è sincero fin dall'introduzione: lo scopo del libro non è risolvere i problemi di chi soffre, ma lanciare un messaggio positivo, felice e potente, che forse è ancora meglio. Sapere di non essere soli nella sofferenza ci permette ci accendere una luce e di seguirla, per continuare a lottare contro i momenti bui della vita, perché non c'è niente che importi più dell'essere qui, oggi, e di avere accanto chi amiamo. Sono davvero felicissima di aver avuto l'opportunità di conoscere la storia di Sara, perché è riuscita ad emozionarmi molto. Da figlia, sorella e mamma quale sono non ho faticato a ritrovarmi nelle sue paure e nelle gioie, né in quelle dei suoi genitori, quindi non posso che consigliarvi la lettura di questo progetto. Impariamo a non abbatterci, e ad affrontare con tutta la grinta possibile la vita, che ha tanto da offrirci, e vale sempre la pena di batterci per tenercela stretta.


Fatemi sapere se anche voi lo avete letto, io corro a programmare un piccolo post che si autopubblicherà domani quando sarò ormai partita!


3 commenti:

  1. Sembra un libro molto interessante e il fatto che abbaia poche pagine lo rende perfetto per una lettura estiva ma profonda! E la citazione sul nostro è commovente :)

    RispondiElimina
  2. Non lo conoscevo ma sembra davvero un libro molto dolce e profondo!

    RispondiElimina
  3. Ciao grazie per aver fatto conoscere questo libro, a te buone vacanze.

    RispondiElimina

Se volete restare anonimi, firmate anche con un nome qualsiasi: saprò a chi rivolgermi quando risponderò ai vostri commenti!